TripAdvisor: l’Autorità Garante della Concorrenza del mercato infligge una multa di 500.000 euro per le informazioni ingannevoli sulle fonti delle recensioni. Il Consiglio di Stato la riduce a 100.000 Euro.